Al via la magia del secondo Cammino dell’Antica Trasversale Sicula

C’è un antico percorso in terra di Sicilia immaginato e camminato da poeti, filosofi, mercanti: genti trasversali per strade trasversali che hanno unito nel tempo luoghi magici e incantevoli per natura e tradizioni in tutta l’Isola. Adesso è di nuovo tempo di camminare questi luoghi, fare un tuffo nel tempo e nel cuore dell’Isola: la partenza è in programma il 4 ottobre 2019 da Mozia e poi al via a un susseguirsi di emozioni lungo 648 chilometri.

Le origini del Cammino dell’Antica Trasversale Sicula

Parte dallo studio e alla passione del noto archeologo Biagio Pace (a lui si devono – tra le altre cose – i ritrovamenti in Sicilia di Camarina, Mozia e della Villa del Casale di Piazza Armerina, oltre a numerosi studi sulla Sicilia bizantina N.d.A.) l’ispirazione di Tano Melfi e Peppe De Caro (appassionati di storia e camminatori). E poi ancora di Giuseppe Labisi e Sareh Gheys (archeologi), e Claudio Lo Forte (membro della Protezione civile).  Tutti uniti dalla voglia di ripercorrere a piedi – la prima volta nel marzo 2016 – tante strade antiche, capillari e aorte della Sicilia unite nell’Antica Trasversale Sicula.

Secondo Cammino dell’Antica Trasversale Sicula

Antica Trasversale sicula
Un tratto dell’Antica Trasversale sicula

Saranno in tanti a intraprendere il secondo Cammino Internazionale dell’Antica Trasversale Sicula.
Un tragitto che attraversa in 44 giorni, ben 57 comuni, 6 parchi archeologici, 47 siti di interesse archeologico.
Ma anche 7 riserve naturali, circa settanta chilometri di ferrovie dismesse
e poi ancora numerosi musei, suggestivi centri storici e molteplici insediamenti rurali tradizionali. Tappa finale, il 16 novembre, l’area archeologica di Scoglitti nella costa orientale ragusana raggiunta lo scorso anno da oltre 250 camminatori.

Il Cammino dell’Antica Trasversale di Sicilia pone sulla stessa linea (non tanto) immaginaria strade e sentieri che Siculi, Sicani ed Elimi hanno tracciato e di cui si son serviti per trasportare vino, olio, sale, zolfo, miele e grano nel corso dei secoli,  per tessere rapporti economici e intrecciare relazioni sociali.

Il percorso dell’Antica Trasversale Sicula

L’Antica Trasversale Sicula attraversa diversi siti archeologici indispensabili per comprendere la storia e l’identità siciliana. Da Mozia a Segesta e Mokarta lungo le antiche vie di transumanza ricalcate nel corso dei secoli che attraversano Entella, Corleone. E poi ancora Hippana nei pressi di Prizzi, Castronovo, Vallelunga, cozzo Tutusino, le valli del Salso e dell’Imera, Enna e il lago di Pergusa (legate visceralmente al mito di Demetra e Kore), Morgantina.
Da lì si dirige verso il santuario pan-siculo di Palikè, Licodia Eubea (nei pressi del saltus camarinensis), Pantalica e percorrendo l’antica via Selinuntina fino al monte Arcibessi per poi raggiungere Kamarina.

La Natura dell’Antica Trasversale Sicula

Quest’anno poi, alla sua seconda edizione, l’esperienza si fa ancora più green: grazie alla collaborazione con Biocity, e nell’ambito dell’Azione C2 del progetto The Green Link, i camminatori, con l’aiuto di agronomi e botanici esperti, metteranno a dimora sperimentalmente piante del paesaggio antico lungo il tracciato.

Per saperne di più ecco la pagina Facebook dell’iniziativa per mettervi in contatto con gli organizzatori.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *